RICETTE TIPICHE

Pane di grano

Casa della nonna di Ylenia

Pane tipico alfanese.

Per prima cosa si rinnova il lievito madre il giorno prima, in pratica si impasta il lievito madre con della farina e acqua e si lascia lievitare al caldo. La mattina si prende della farina di grano, si versa nella madia, si aggiunge il lievito madre rinnovato e si aggiunge dell acqua e sale precedentemente intiepidita, se piace si possono aggiungere dei semi di finocchio selvatico. Si impasta il tutto x un ora circa, bagnandosi le mani e se necessario aggiungendo l acqua salata fino a raggiungere la consistenza giusta. Si lascia lievitare il tutto, dopodiché    si formano le pagnotte, che vengono legate in tovaglioli di cotone e si lasciano lievitare ancora(il tempo dipende dal periodo in cui si fa il pane, estate o inverno, quindi dal clima). Mentre le pagnotte lievitano, si accende il forno a legna, si arde finché la temperatura è giusta. Lievitate le pagnotte si infornano. Dovranno cuocere x circa 1 ora, se le pagnotte sono grandi bisogna anche cambiarle di posizione.

Bucchinotti

Casa di Teresa

I bucchinotti alfanesi sono dei piccoli panzerotti ripieni con una crema di castagne. Il nome sta ad indicare che dovrebbero essere mangiati in uno o al massimo 2 bocconi.

Ingredienti

Per la sfoglia

250 g Farina 00

1 uovo

1 cucchiaio Zucchero (raso)

50 ml Olio di semi

30 ml vino bianco

q.b. Olio di semi (per friggere)

q.b. Zucchero a velo (per decorare)

Per la farciutura

100 g Crema di castagne (home made)

1 o 2 cucchiaio grappa (o rum)

Procedimento

Impastare la farina con l’uovo, lo zucchero, l’olio e il vino fino ad ottenere un panetto liscio e morbido come quello della classica pasta all’uovo. Lasciar riposare per circa mezz’ora in un sacchetto di plastica oppure coperto con un canovaccio per rendere cosi l’impasto più elastico.

Nel frattempo stemperare la crema di castagne preparata in precedenza con la grappa (oppure il rum a piacere).

Trascorsa la mezz’ ora, stendere la pasta il più sottile possibile (la mia è rimasta un pò troppo spessa…. errore mio, ma la prossima volta migliorerò) e come per i ravioli salati, posizionare tanti mucchietti di crema di castagne distanziati tra loro quel tanto per poterli sigillare. Finito gli ingredienti passare a friggere. In un pentolino mettere tanto olio quanto sarà sufficiente per far si che i bucchinotti restino coperti totalmente. Saranno pronti quando inizieranno a prendere un bel colore dorato. Scolare su carta assorbente e cospargere con una spolverata di zucchero a velo (se si gradisce).

Paddoccole

Casa di Ndinuccia

Piatto tipico alfanese a base di patate, formaggio, uova e prezzemolo. E’ diventato noto grazie alla sagra. La prima edizione risale al duemila dieci, si svolge ogni anno il 12 e 13 agosto ed è organizzata dalla parrocchia e in quell’occasione, si vendono circa 20mila paddoccole. ‘

Ingredienti

1 kg di patate

2 uova

200 gr di formaggio di capra grattugiato

una spolverata di pangrattato

sale q.b.

pepe q.b.

prezzemolo tritato sottile q.b.

olio per friggere

Procedimento

Mettiamo le patate in una pentola capiente con abbondante acqua e a freddo mettiamole sul fuoco, portiamo a ebollizione e facciamo cuocere per circa 45 minuti (controlliamo la cottura infilando uno stuzzicadenti). Quando sono cotte, scoliamo l’acqua, facciamole raffreddare e schiacciamole con lo schiacciapatate. Uniamo tutti gli ingredienti fino a formare un impasto morbido. Formiamo le polpette di forma tonda o allungata e si friggiamole in abbondante olio caldo, preferibilmente a fuoco vivo.